Chitarra elettrica Gibson: Qual è la migliore? Guida alla scelta con classifica top 7

La chitarra elettrica è uno strumento musicale particolarmente amato soprattutto perché rappresenta alcuni generi che hanno fatto la storia della musica come il rock. Per quanti si vogliono avvicinare a questo mondo e magari imparare a suonare la chitarra elettrica è consigliabile utilizzare un prodotto di qualità realizzato magari da un ottimo marchio come Gibson.

Tuttavia sul mercato ci sono tanti modelli che differiscono per caratteristiche tecniche ma anche per dimensioni e qualità dei materiali. Non è semplice individuare la tipologia di chitarra elettrica più adatta per le proprie capacità tecniche e per l’utilizzo che se ne vuole fare.

A tal proposito abbiamo voluto sviluppare una semplice e rapida guida per scegliere la chitarra elettrica Gibson più adatta per le proprie aspettative. Inoltre in fondo all’articolo è possibile anche visionare la nostra classifica top 7 chitarre elettriche Gibson.

Caratteristiche della chitarra elettrica Gibson

La chitarra elettrica Gibson è uno strumento che sa offrire emozioni davvero uniche garantendo una pulizia di suono straordinaria per lanciarsi nel virtuosismi straordinari. Non è un caso che alcuni dei più conosciuti musicisti e cantanti abbiano scelto proprio questo marchio per svolgere nel migliore dei modi i propri concerti e regalare al pubblico brani indimenticabili.

Ci sono però tante opzioni da considerare sulla chitarra elettrica che riguardano anche gli accessori da abbinare come la custodia per trasportare la chitarra per un viaggio e per trasportarla in sicurezza oppure l’amplificatore per avere una miglior pulizia del suono e potenza. Vediamo nel dettaglio quali sono gli aspetti da prendere in considerazione prima di acquistare.

  • Le parti della chitarra elettrica

La chitarra elettrica è uno strumento abbastanza articolato che dispone di varie parti che devono essere sfruttate al meglio dal musicista. In particolare c’è il manico insieme alla tastiera che permettono di proporre le varie note ed accordi per creare brani ad hoc. La parte più estrema è invece la cosiddetta tastiera nella quale ci sono i Pioli che devono essere regolati per l’attenzione delle corde e per ottenere una particolare tipologia di suono. La parte più ampia viene invece definita corpo e solitamente viene realizzata con un impatto estetico gradevole di colore rosso oppure nero e tanti altri. Sul corpo c’è il ponte che è una parte altrettanto importante per regolare le caratteristiche dei suoni della chitarra e infine le manopole con cui interagire in termini di volume e di altri aspetti in maniera tale da accordare anche la chitarra al meglio. Tutte queste parti vengono realizzate con dei materiali particolari per ottenere così un risultato finale di eccellenza.

  • I materiali

Un primo aspetto da tenere in considerazione riguarda la qualità dei materiali e nello specifico il tipo di legno che viene utilizzato. Da questa scelta dipende anche il suono che si ottiene. Innanzitutto è meglio preferire il legno massello rispetto ai laminati che se da un punto di vista economico sono importanti dall’altro non permettono di avere un suono migliore è certamente sono destinati a durare meno nel tempo. Naturalmente questo non è un problema della Gibson che mette sempre al primo posto la qualità dei propri modelli. Sottolineare che le varie parti come il manico, la testa oppure il corpo della chitarra possono essere realizzate con varie essenze di legno come il mogano, il frassino, il tiglio, l’acero, l’ebano e il palissandro. Va sottolineato che ogni parte della chitarra va realizzata con una particolare essenza di legno per cui si preferisce ad esempio utilizzare il palissandro per la tastiera oppure in alternativa l’acero. Per il manico ci sono grossomodo le stesse esigenze con la sola eccezione di poter inserire anche il mogano.

  • Il manico

Quando si vuole ottenere una chitarra di qualità bisogna guardare al manico non solo rispetto al materiale utilizzato per la sua realizzazione ma anche per altre caratteristiche. Nello specifico bisogna scegliere un profilo ideale e soprattutto apprezzare come il manico sia stato fissato al corpo della chitarra. Sostanzialmente in commercio ne esistono di tre tipologie differenti: set neck, neck through e bolt-on. Diciamo che il manico Bolt on è quello con qualità più bassa che offre il miglior rapporto qualità prezzo ma nonostante questo viene molto utilizzato perché sono di facile produzione e di manutenzione praticamente immediata. La tipologia set-neck prevede che il manico venga incollato sul corpo della tastiera attraverso un giunto a coda di rondine. Sono più difficili da riparare e quasi impossibili da modificare Però c’è un suono più pieno durante l’esibizione. La terza tipologia è tra le meno comuni Anche perché viene richiesto un prezzo più alto. C’è però da sottolineare la maggiore qualità e una resistenza più elevata del tempo. Questi prodotti però sono praticamente impossibili da sostituire in caso di danneggiamenti per cui bisognerà essenzialmente procedere con l’acquisto di una nuova chitarra qualora ci dovessero essere dei danni importanti.

  • Il profilo del manico

Un ulteriore Aspetto che riguarda il manico è il suo profilo. Il profilo può essere a U che sono quelli più spessi e grossi e che permettono di avere un suono molto più caldo e profondo. C’è il profilo a C che invece sono i più utilizzati soprattutto nei modelli più moderni perché sono piatti e comodi da suonare. Tuttavia c’è da sottolineare che statisticamente sono quelli che durano di meno nel tempo. Il profilo a D ricorda un po’ il precedente tipo ma ha dei bordi più piatti mentre il profilo a V è un prodotto da consigliare per i musicisti che hanno Una tendenza nello scivolare su e giù per il manico in maniera molto rapida.

  • Numero di tasti e lunghezza della scala

Ulteriori aspetti tecnici da prendere in considerazione in fase di acquisto di una chitarra elettrica Gibson sono il numero di tasti e la lunghezza della scala. La maggior parte delle chitarre attualmente disponibili in commercio hanno un numero di tasti che va da un minimo di 22 fino a un massimo di 24. Solitamente quelle con 24 rimaste hanno in aggiunta anche due semitoni in più rispetto alla chitarra a 22 e per questo motivo sostanzialmente viene preferita dai musicisti. Quando si parla di una scala più lunga il riferimento è sostanzialmente allo spazio che c’è tra ciascun tasto per cui più ampio è meglio è perché c’è un ingombro minore e ci si può sbizzarrirvi durante il virtuosismi con le proprie mani. Questa caratteristica costruttiva è in fiction sulla qualità anche e sulla tensione delle corde. Maggiore la scala è più grande sarà la tensione delle corde con tutto quello che comportano un punto di vista di tonalità e di musicalità. C’è poi da considerare che il numero di corde può andare da un minimo di 6 fino ad un massimo di 8. Con sette oppure con otto corde si possono ottenere delle note molto più basse. Ci sono poi tante altre caratteristiche da valutare a partire dai ponti che possono essere fissi e mobili e della tipologia del corpo che è anche un effetto diciamo più scenografico. Anche il pick up può essere magnetico.

Classifica top7 delle migliori chitarre elettriche Gibson

chitarra elettrica gibson migliore

  • Gibson SG Standard ‘61 Vintage Cherry – Miglior chitarra elettrica Gibson

Abbiamo scelto come prima proposta di chitarra elettrica Gibson questo modello storico che ha un indiscutibile fascino oltre che la capacità di proporre una musica straordinaria. Il corpo della chitarra è stato realizzato con un bellissimo color ciliegia mentre il legno scelto è il mogano. La parte posteriore è invece in legno di ciliegio e la tastiera è completamente in palissandro.

Il numero di corde è pari a 6 mentre le dimensioni sono di 120 cm di lunghezza per 45 cm di larghezza del corpo mentre lo spessore massimo è di 17,78 cm.

Che infatti richiede un approccio importante per l’acquisto e peraltro ha delle caratteristiche molto ricercate dagli appassionati come il pick-up Burstbucker che veniva utilizzato prevalentemente durante gli anni sessanta e che rappresenta un po’ la storia di questo settore.

La caratteristica importante riguarda il ponte ABR-1 Tune-orMatic e c’è da ricordare che nell’acquisto è possibile anche accedere ad una custodia mentre l’amplificatore e tutte le altre esigenze dal punto di vista del cablaggio devono essere acquistate a parte.

  • Gibson SG Modern (Trans Black Fade)

Per gli amanti delle chitarre elettriche Gibson questo è un modello davvero da non lasciarsi scappare. Si tratta di una chitarra elettrica Double Cut con sei corde che permette di fare ottima musica sfruttando al meglio la tradizione e la qualità di questo marchio che da sempre sa soddisfare le aspettative dei musicisti.

Il corpo della chitarra è stato rivestito di un bellissimo colore nero in parte lucido e inoltre è stato realizzato con il legno di mogano per avere un suono più profondo ma anche resistenza fisica. La parte del manico che ha una certa larghezza della scala per cui si possono effettuare virtuosismi importanti e invece è stata creata con l’utilizzo del legno di acero.

È presente ovviamente il pick up Gibson 490 che permette di trasformare le vibrazioni delle corde in segnale elettrici da rimandare in ingresso all’amplificatore che però non è compreso nella vendita.

Questo significa che bisognerà acquistarla a parte oppure sfruttare quello di cui già si dispone magari acquistato per un’altra chitarra dello stesso marchio. Inoltre è presente anche un sintonizzatore Grover. Si tratta quindi di una buona chitarra Gibson che infatti richiede un prezzo di acquisto importante.

  • Gibson 1957 Les Paul Goldtop

Attenzione, qui stiamo parlando di una chitarra elettrica che ha fatto la storia della musica rock. Si tratta di un prodotto esclusivo come se già può vedere dal suo stile che ricalca un periodo straordinario per il rock come quello dei fine anni cinquanta inizio anni sessanta.

È una chitarra con sei corde e un’ampia larghezza di scala e questo permette di avere maggiore libertà nei movimenti con la mano per ricreare note e sonorità esclusive. La struttura è stata rivestita per quanto riguarda il corpo nella parte frontale di un bellissimo color oro che certamente piacerà agli amanti dello stile vintage.

Invece nella parte posteriore la chitarra ha un colore legno scuro naturale che peraltro ne conferisce eleganza. È una chitarra che ha fatto la storia della musica rock e che viene venduta con una bellissima custodia che permette il trasporto da una parte all’altra senza problemi.

Permette di avere suoni straordinari anche grazie alle caratteristiche del ponte e della tastiera che nella sua semplicità permette di accordare al meglio la chitarra senza tanti fronzoli e innovazioni tecnologiche.

  • Gibson Les Paul Tribute Satin Cherry Sunburst

Questo modello di chitarra elettrica Gibson è ugualmente un prodotto professionale realizzato in maniera tradizionale che offre delle performance importanti per chi si vuole divertire con qualità. È una chitarra per destre con configurazione ad H mentre il numero di corde è pari a 6.

La larghezza della scala è abbastanza importante per cui non ci sono difficoltà nel muovere le mani e avere dei virtuosismi che solitamente fanno impazzire gli ascoltatori della musica. La struttura è stata realizzata con diverse tipologie di legno. Il corpo nella sua parte frontale è stata previsto con il mogano poi sfumato con dei colori che vanno dal rosso fino all’arancio.

Invece la tastiera è il palissandro e il collo in acero. C’è poi tutta la parte posteriore della chitarra che invece è stata sviluppata attorno all’utilizzo del legno di ciliegio. Il colore è satinato Cherry Sunburst e la forma della cassa è definita Les Paul.

Il manico è stato incollato con la tecnica quella che prevede l’incollaggio attraverso un sistema che comunque garantisce resistenza fisica e durata nel tempo. Ovviamente parlando di una eccellenza del settore che viene venduta per altre ad un prezzo considerevole.

Il ponte è il tipo Tune or-Mastic, c’è una bellissima custodia soft Shell per garantire il miglior trasporto possibile alla chitarra elettrica ed è uno stile comunque ultramoderno complessivamente di questo modello.

  • Gibson SG Standard ‘61 maestro vibrola

Questa è un’altra chitarra elettrica esclusiva realizzata da Gibson che offre tutto il necessario per un dado bravissimo musicista. È un prodotto che è stato realizzato con la parte posteriore esclusivamente con legno di ciliegio mentre la tastiera è in palissandro.

La scelta è ricaduta sul mogano e invece per quanto riguarda la parte frontale del corpo e tra l’altro la colorazione è rimasta tale con un effetto lucido che un po’ ricorda la tonalità delle ciliegie.

È sempre una chitarra con sei corde che dispone di una certa larghezza di scala per consentire al musicista di cimentarsi nella virtuosismi e di produrre delle note importanti per il brano musicale.

È stato installato un pickup ad H che permette di effettuare in maniera impeccabile la conversione delle vibrazioni delle corde in impulsi elettrici da inviare poi all’amplificatore per riprodurre i suoni creati e fatti ascoltare alcun tipo.

È una chitarra realizzata con finiture al nitro con manico e corpo in mogano e dispone di una cordiera Maestro Vibrola. Da sottolineare che viene venduta anche con una bellissima custodia della Gibson realizzata con struttura solida per mettere al riparo la possibile caduta oppure da una sollecitazione fisica che potrebbe danneggiarla.

  • Gibson SG Tribute Natural Walnut

È una chitarra elettrica Double Cut realizzata in una colorazione nocciola meno consueta rispetto ad altre. È un prodotto di qualità che però abbina anche una certa eleganza di tutta la sua struttura. Ci sono sul corpo quattro manopole per effettuare delle regolazioni molto utili anche per accordare la chitarra elettrica.

Da sottolineare alcune differenze dal punto di vista tecnico per quanto riguarda la realizzazione della chitarra. Innanzitutto la parte superiore è realizzata in parte con legno di palissandro e in parte con l’acero mentre il mogano viene utilizzato soprattutto per il corpo.

Si è preferito scegliere una tastiera di palissandro e c’è sempre una configurazione con sei corde con un’ampia scala. Il pick up è Gibson 490R e 490T con profilo arrotondato che permette ugualmente un’ottima conversione della tensione delle corde in segnali elettrici badando anche ad un aspetto più aerodinamico della chitarra in termini di forme.

  • Gibson Les Paul Classic Ebony

Si tratta di una chitarra abbastanza tradizionale seppur dotata di tutte le caratteristiche tecniche per consentire al musicista di cimentarsi in evoluzioni professionali. Interessante notare che la chitarra è stata comunque realizzata con la parte del corpo in mogano mentre la tastiera è sempre in palissandro che risulta essere il legno migliore per questo genere di parte.

È una chitarra lunga 114,3 cm con massima ampiezza del corpo che arriva a 45,71 cm e lo spessore di 15,2 cm. Si tratta di un modello disponibile in una colorazione nera abbastanza lucida con quattro manopole nella parte bassa del corpo della chitarra per regolare opportunamente le melodie.

È un prodotto in stile vintage con tante innovazioni tecnologiche. Parliamo di una chitarra che richiede un prezzo di acquisto davvero importante per cui va valutata anche dal punto di vista estetico che certamente è soddisfatto con una finitura in gloss nitro per il collo.

Lascia un commento